Chiostro di Voltorre di Gavirate

Luglio 5 2021

Tra laboratori e ginnastica dolce, la creatività e le emozioni sono di casa

Il sabato mattina, quando vado al Chiostro, è davvero il mio momento, egoisticamente prendo tutto: è proprio vero che quando si dedica tempo agli altri è più quello che si riceve di quello che si dona”. Ilaria è una delle volontarie di CreaTivamente, iniziativa dedicata alle persone con demenza promossa dall’associazione Progetto Rughe presso il Chiostro di Voltorre di Gavirate. La cittadina alle porte di Varese è diventata “Città Amica delle persone con demenza” nel maggio 2019 e nel giro di pochi mesi i dipendenti comunali, gli agenti della Polizia Locale, i commercianti, i medici di base e gli studenti delle scuole hanno partecipato con grande entusiasmo a una serie di attività di formazione per imparare come porsi in modo corretto nei confronti delle persone con demenza.

È in questo contesto che nasce CreaTivamente: ogni mercoledì e sabato mattina, presso il suggestivo scenario del Chiostro di Voltorre, volontari e operatori specializzati danno vita a un momento di socialità e creatività interamente dedicato alle persone con demenza e ai loro familiari o caregiver.

Sono diversi i laboratori proposti: disegno e pittura, la pratica di alcuni esercizi della disciplina orientale del Qi Gong, la creazione di oggetti con il feltro o i bottoni e piccole attività di risveglio muscolare e ginnastica dolce.

Ilaria ha conosciuto e si è affezionata all’associazione come familiare, accompagnando sua mamma ai gruppi di auto-aiuto; quando la madre è mancata ha deciso di continuare a dedicare il suo tempo e le competenze acquisite alle persone con demenza:

Anche se ogni persona è diversa, l’esperienza con mia mamma mi ha insegnato come avvicinarmi a chi è colpito dalla malattia, quali sono i modi più adatti, la dolcezza del tono della voce e la calma dei movimenti. Piano piano, con ognuno di loro, ho costruito un rapporto e una relazione, ho imparato tanto e ogni sabato mi sembra di lasciare al Chiostro un pezzetto di cuore ma anche di portare a casa un bagaglio di bellezza sempre più grande”.

Il sabato mattina, quando vado al Chiostro, è davvero il mio momento, egoisticamente prendo tutto: è proprio vero che quando si dedica tempo agli altri è più quello che si riceve di quello che si dona

La mattina al Chiostro inizia con il risveglio cognitivo: si canta, si recitano un po’ di proverbi, si ricordano le stagioni o i giorni della settimana; poi i partecipanti vengono suddivisi in piccoli gruppi e si dà il via ai laboratori; segue una parte di ginnastica dolce e, prima di salutarsi e tornare a casa, la merenda tutti insieme. Ilaria sorride pensandoci, perché qualunque cosa succeda è l’unico momento a cui nessuno vuole rinunciare: “Édavvero un’occasione speciale per tutti: per le persone con demenza perché magari hanno cucinato la torta e i dolcetti e questo le fa sentire parte attiva del progetto, non solo ospiti dei laboratori; per noi perché parliamo con loro e impariamo a conoscerle, ci raccontiamo qualche aneddoto ma, soprattutto, le ascoltiamo, accogliamo le loro emozioni, e ci portiamo a casa quei sorrisi di gioia che sono carburante per la settimana”.

Ilaria, in questo progetto, non è sola ma ha delle splendide compagne di viaggio: Maria Grazia, Claudia, Consuelo, Paola e tanti altri volontari che si occupano di accogliere gli ospiti e allestire le sale, oltre a essere un punto di riferimento per i familiari e i caregiver che accompagnano i loro cari e per cui i laboratori sono un momento di sollievo, la possibilità di fare un giro o di condividere con altre persone un percorso comune.

Ogni sabato provo emozioni sempre nuove: ho visto le persone arrivare al mattino imbronciate e andare via sorridenti. Una volta indovinata la loro attività, ci si applicano con un’energia straordinaria. E poi, la signora anziana che insegna italiano alla badante è esattamente quello che per noi significa essere una Comunità Amica della demenza: cura reciproca”.


Altre storie interessanti

July 8, 2022
La Polizia Locale di Formigine aiuta le persone con demenza
La storia di Annarita “Quando mi capita di incontrare una persona che non si ricorda(...)
May 12, 2022
A Catanzaro, un luogo dove vivere emozioni e sentirsi accolti
La storia di Cesare “La fisarmonica era un oggetto ormai chiuso nella custodia, la osservava(...)
February 17, 2022
A Giovinazzo musica e arte sono strumenti di inclusione per le persone con demenza
Aiutare le persone con demenza a rimanere nella socialità “Ogni mattina accogliamo i nostri ospiti(...)

Storie e Comunità

Ogni storia nasce dall’impegno concreto di un gruppo di persone che lavora per combattere lo stigma della demenza e per rendere la società più inclusiva. Scopri dove sono queste comunità.

Le comunità