A Catanzaro, un luogo dove vivere emozioni e sentirsi accolti

Maggio 12 2022

La storia di Cesare

La fisarmonica era un oggetto ormai chiuso nella custodia, la osservava ma non capivamo se potesse ricominciare a suonarla. Mio padre non ha mai studiato musica ma ha sempre suonato, sin da bambino, e con la sua musica ha fatto divertire molte persone. Da quando ha iniziato a frequentare il Centro, grazie alla professionalità degli operatori e l’attenzione che dedicano a ogni persona, abbiamo assistito a un piccolo miracolo: con l’aiuto di un maestro di musica, ha ripreso la fisarmonica e ha ricominciato a suonare le canzoni della sua giovinezza. É commuovente vedere la sua felicità quando suona ma anche le emozioni e i ricordi che risveglia negli altri ospiti”. Luigi si emoziona mentre racconta di come suo padre Cesare, conosciuto in paese con il soprannome di Cesarino, e la sua famiglia sono stati accolti nello Spazio Al.Pa.De, primo e unico Centro diurno per persone con demenza della Calabria, nato nel centro storico di Catanzaro e che, sulla scia dell’esperienza del piccolo borgo di Cicala, nel 2019 è diventato “Comunità Amica delle persone con demenza”.

Al Centro diurno la cura è affidata alla “Terapia Espressiva Corporea Integrata”, approccio non farmacologico volto a migliorare la comunicazione affettiva e relazionale tra le persone, favorire il movimento del corpo e stimolare le funzioni cognitive, aumentando così il senso di benessere generale. “La nostra equipe è multidisciplinare, abbiamo psicologhe, assistenti sociali, OSS ma anche esperti del movimento e dell’animazione e una persona che si occupa di guidare il pulmino che, ogni mattina, passa a prendere gli ospiti. Quello è il primo momento di animazione della giornata: sul pulmino c’è la musica e gli ospiti cantano per tutto il tragitto; quando arrivano ci mettiamo tutti in cerchio e condividiamo un momento di saluti e di risate prima di dare il via alle attività

Cesare

racconta Elena Sodano, coordinatrice del Centro e responsabile del progetto “Comunità Amica”. Ogni giorno Cesarino attende con impazienza il momento di andare al Centro, come racconta Luigi. “Quando arriva il pulmino, papà è già pronto davanti a casa con il suo zainetto perché non vede l’ora di salire: va via felice e torna a casa ancora più felice. Per noi ma, soprattutto, per mia madre è motivo di grande gioia e sollievo; ci siamo resi conto che ogni giorno fa qualche piccolo ma importante passo avanti”.

É commuovente vedere la sua felicità quando suona ma anche le emozioni e i ricordi che risveglia negli altri ospiti

Luigi ricorda che dopo la diagnosi di demenza vascolare progressiva, ricevuta quando Cesare aveva 78 anni, la famiglia attraversa un periodo di sconforto: è doloroso vedere una persona cara perdere la memoria e la capacità di compiere azioni quotidiane del tutto naturali fino a quel momento. Nei primi tempi si affidano alle terapie farmacologiche pensando che siano prioritarie per la gestione della malattia di Cesare ma, ben presto, Luigi e i suoi fratelli comprendono la necessità di prestare attenzione anche alla sfera emozionale e sociale, facendo però fatica a far cadere le reticenze della madre che desidera occuparsi personalmente del marito. È in seguito a un’esperienza traumatica che tutta la famiglia accetta la necessità di affidarsi a un aiuto professionale: un giorno Cesare scende in strada a buttare la pattumiera ma, invece di rientrare a casa subito come sempre, inizia a passeggiare e si perde.
Tutta la città di Catanzaro si unisce alla famiglia nella ricerca e finalmente, dopo due giorni, viene ritrovato.

In quel momento, scossi per quanto accaduto ma grati perché nostro padre era vivo e stava bene, abbiamo capito che non era più possibile gestirlo pensando che fosse la stessa persona di prima. Per mia madre non è stato facile all’inizio ma con il tempo, vedendo anche i progressi che ha raggiunto frequentando il Centro, ha capito che è stata la scelta giusta ed è bellissimo vedere anche la ritrovata intesa tra loro, si cercano e si aiutano a vicenda. Grazie al Centro mio padre è tornato a essere Cesare anzi, Cesarino: quando si rivede nei video in cui suona la fisarmonica ci dice con orgoglio ‘quello sono io!’ e per noi è davvero emozionante”


Altre storie interessanti

A Monza, le biblioteche sono luoghi di inclusione
June 10, 2022
Come è nato il Quartiere Triante, Comunità Amica delle Persone con Demenza “Ci ha parlato(...)
Abbiategrasso
July 5, 2021
Alla ricerca della memoria perduta insieme alla studentessa Giulia La cittadina lombarda di Abbiategrasso è(...)
Arzignano: il paese dove bambini e ragazzi raccontano la demenza
November 10, 2021
“Ricordo perfettamente quando Federica, volontaria dell’Associazione Malattia di Alzheimer, mi ha proposto il progetto Pensa(...)

Storie e Comunità

Ogni storia nasce dall’impegno concreto di un gruppo di persone che lavora per combattere lo stigma della demenza e per rendere la società più inclusiva. Scopri dove sono queste comunità.

Le comunità